fbpx

Ricreare il clima partita in allenamento

Quante volte ci è capitato di vedere giocatori in partita che non rendono quanto in allenamento?
<< Se facesse la domenica tutti i gol che fa il martedì … >>
Non parliamo di attività di base, di attività agonistica o di prima squadra: parliamo di tutti.
Una volta percepita questa differenza, ci siamo mai chiesti:
<< perché? >>
e la relativa soluzione:
<< come possiamo fare affinché il mio giocatore renda in partita come in allenamento? >>
Purtroppo, possiamo già affermare questo: nulla può essere ricreato esattamente come la partita del fine
settimana.
Per vari motivi:
• Gli avversari;
• Il pubblico;
• Gli addetti ai lavori;
• I rituali singoli e collettivi del pre-partita;
• Quel pizzico di tensione;
• Il fattore risultato;
• L’emotività.
L’obiettivo di un allenatore e del proprio staff dovrà essere quello di ricreare tutti i fattori suindicati
cercando di avvicinarsi il più possibile alla realtà della partita.
Chiaramente ogni fattore deve essere rapportato alla fascia d’età che si allena, ma, ponendo dei semplici
esempi, per una squadra pulcini è possibile organizzare un torneino 3 contro 3 dove a fine allenamento è
presente una classifica finale, mentre per una prima squadra è possibile organizzare una sfida interna 11
contro 11 o situazioni ridotte dove le famiglie possono assistere all’incontro e, al termine, la squadra
sconfitta pagherà la pizza per tutti.

Attenzione a due particolari importanti!

Nei nostri esempi abbiamo, implicitamente, esposto due fattori che devono essere i principi cardine per
ricreare una situazione di gara durante la settimana:
Fattore numero uno: il divertimento.
Ricordiamoci sempre che lo sport è passione, coinvolgimento e unione.
I giocatori devono sempre divertirsi, sia in allenamento che in partita.
L’obiettivo dell’allenatore sarà quello di ricreare il clima partita, ma che questo sia vissuto con gioia e con
divertimento.
Un bambino, un ragazzo, un adulto, che si diverte si esprime al massimo e in piena libertà.
Fattore numero due: la partita come mezzo per allenare la partita.
Sembra un gioco di parole, sembra qualcosa di scontato, sembra qualcosa di strano.
Nulla di più vero!
Non inventiamoci cose strane come jolly, comodini e sponde.
Questi strumenti sono utili per molte altre occasioni, ma per ricreare il clima partita è necessaria la
competitività e le relative difficoltà, senza scorciatoie.
Sicuramente le sfide a numeri ridotti con l’utilizzo di più porte sono mezzi consoni, tutti utili per mantenere
alta l’intensità.