fbpx

L’allenatore dilettante

L’allenatore dilettante è un pazzo, un visionario, un padre ed un amico.

 

L’allenatore dilettante è un confidente, un genitore amorevole e qualche volta arrabbiato.

 

L’allenatore dilettante è un pensatore, un ottimo osservatore ed un ascoltatore attento.

 

L’allenatore dilettante stimola, asseconda, guida e soffre in silenzio.

 

L’allenatore dilettante è un temporale estivo, tuoni e fulmini in 5 dei 15 minuti dell’intervallo ma poi è di nuovo il sereno.

 

L’allenatore dilettante è una guida, un condottiero, è Don Chisciotte contro i mulini a vento quando ha una squadra che perderà la partita,

ma lui guarda oltre, lui vede i suoi giocatori come nessuno può vederli.

 

L’allenatore dilettante vive di e per il calcio, vive la serie A in un campetto di periferia e passa notti insonni prima di una partita che nemmeno chi gioca la champions può capire.

 

L’allenatore dilettante scruta il campo buttato sulla panchina dopo una sconfitta, fissa la strada per gli spogliatoi e si incammina cercando le parole per accendere i cuori dei suoi calciatori, la settimana prossima c’è un’altra partita da giocare.

 

L’allenatore dilettante è un pazzo e un visionario diversamente non farebbe l’allenatore dilettante.